PC e Mobile, grazie a Internet, aiuteranno la TV. Italia fanalino di coda?

Leggo oggi su Spot & Web l’articolo riguardante il report di Microsoft “Europe logs on: Internet trends of today & tomorrow”. Vi si legge che:

– Quasi il 50% degli europei dispone di una connessione Internet
– 9 ore alla settimana è il tempo trascorso mediamente sul Web nel 2008 (+27% dal 2004): più tempo rispetto a
quello dedicato a leggere carta stampata, guardare film o giocare a videogiochi
– Differenze tra nord e sud Europa: nei paesi nordici il tasso di penetrazione di Internet è in media del 76%,
contro il 45% dell’Europa meridionale
– L’utilizzo di Internet sembra destinato a spodestare la TV tradizionale entro giugno 2010 (con 2,5 giorni al
mese trascorsi su Internet, contro i 2 giorni della TV tradizionale), tuttavia questo non segnerà il declino della
TV, ma solo un cambiamento nelle modalità di fruizione
– I video on-line sono l’intrattenimento audiovisivo più popolare: più di un europeo su 4 (il 28%) e oltre 300
milioni di persone in tutto il mondo guardano filmati più o meno brevi in Internet
– PC e cellulari acquisiscono sempre maggiore popolarità come mezzi alternativi per usufruire dei contenuti
televisivi e digitali: sempre più utenti accedono a Internet tramite sistemi IPTV, console per videogiochi e cellulari.
– Nei prossimi cinque anni, quindi, la percentuale di tempo dedicato a navigare in Internet con il PC scenderà
dall’attuale 95% al 50%.

Il superamento avverrà non tanto sui numeri assoluti dei fruitori, ma sulle ore settimanali dedicate:internetvstv

Uno scenario in cui PC e Mobile, sostituendo progressivamente la TV, diventano i devices standard per fruire sempre più di contenuti video e garantiranno una nuova giovinezza alla Televisione: sempre più ASINCRONA, sempre più INTERATTIVA.

Bene. Evviva. Il 2010 è vicino.

Piccolo problema: rispetto alla media del Sud Europa (45%) in Italia abbiamo solo il 37% percento di popolazione  connessa ad Internet (Nielsen Online: 22 milioni di Italiani connessi a Dicembre su 58 Milioni di abitanti).

La questione è, a mio avviso, fra le priorità dello sviluppo del sistema paese. Propongo di promuovere con azioni concrete in Italia la diffusione di Internet: sgravi fiscali/incentivi su acquisti di PC e Notebook, sgravi fiscali/incentivi sulle connessioni in Banda larga nelle aree a minor penetrazione, iniziative di comunicazione per incentivare l’uso della Carta di Credito Online, con annessi sgravi sui costi di commissione per gli acquisti online.

Una maggiore alfabetizzazione informatica avrebbe ricadute positive su ogni sfera del vivere civile: rapporti con le istituzioni, maggiore rivendibilità professionale (minore disoccupazione), maggiore informazione sugli acquisti e consapevolezza dei consumatori (Internet per l’85% degli utenti è il mezzo principale per ottenere informazioni su prodotti e servizi – vedi la ricerca dell’Osservatorio Multicanalità per altri dettagli sulle modalità di ricerca di informazioni e conseguente acquisto di prodotti), etc etc

E’ tempo di abbandonare iniziative generiche (i vari gruppi “pro-Internet” in cui ce la suoniamo e ce la cantiamo fra noi internettofili) e promuovere comitati con proposte di legge concrete… qualcuno più autorevole di me prenderà la palla al balzo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...